testata
 
 
La banca dati di "Biblioteche oggi" permette, attraverso un programma avanzato, una ricerca efficace e mirata sugli articoli pubblicati dal 1993: per titolo, autori, anno, fascicolo, soggetti e indicazioni del contenuto.
 
Gli articoli pubblicati sono disponibili in full-text; per quelli pubblicati nell'anno in corso e in quello precedente è disponibile l'abstract.
 
La banca dati è uno strumento indispensabile per i bibliotecari, gli studiosi, i ricercatori, gli studenti e tutti coloro che sono interessati all'approfondimento dei temi che riguardano la biblioteconomia, la scienza dell'informazione e la cultura della biblioteca.
 
 
Vai al sommario degli ultimi 10 numeri.
 
 
Iscriviti alla newsletter gratuita di "Biblioteche oggi", dove potrai trovare riassunti e commenti sugli articoli e le rubriche del mese, notizie sulle iniziative promosse dalla rivista, informazioni su eventi che si svolgono nel mondo delle biblioteche, richiedere libri in recensione.
 

 
GESTIRE IL CAMBIAMENTO
 
Le biblioteche nei piani strategici degli atenei
 
Maurizio Zani
maurizio.zani@unibo.it
 
I mutamenti economici, sociali e tecnologici avvenuti negli ultimi decenni hanno modificato profondamente molti aspetti dell’istruzione universitaria. Gli atenei di tutto il mondo sono oggi sollecitati a uno sforzo competitivo all’interno di un contesto di dimensioni globali. Il tradizionale impegno nella didattica e nella ricerca va sempre più orientato e programmato secondo precise direttrici strategiche, intraprese in maniera consapevole sulla base delle caratteristiche di ogni realtà e alla luce proprio di questo ampio quadro di riferimento. Questa attività di pianificazione si esplicita solitamente in veri e propri “piani strategici”, che dovrebbero indicare agli interessati − a chi all’interno vi studia e lavora e a chi all’esterno chiede trasparenza e affidabilità – gli obiettivi che ogni università intende raggiungere in un orizzonte temporale di medio periodo (3-5 anni).
 
> Leggi tutto
 
 
 
 
 
NUOVI SERVIZI
 
p. 17 I makerspaces in biblioteca: moda passeggera o accesso al futuro?
 
Maria Stella Rasetti
 
L'apertura dei makerspaces nelle biblioteche pubbliche potrebbe apparire l'effetto passeggero della moda del momento, ma in realtà si rivela piuttosto come l'inizio di una delle tante avventure di trasformazione in cui le biblioteche pubbliche sono impegnate nel primo decennio del XXI secolo, a riprova della loro vitalità e della loro capacità di far fronte ai cambiamenti in atto nei modi in cui le persone impiegano il tempo libero. I makerspaces rappresentano una straordinaria occasione di coinvolgimento per chi vuole mettere alla prova il proprio talento utilizzando strumenti tecnologici di ultima generazione. In tal senso non si limitano ad attrarre nuovo pubblico, affiancandosi ai tradizionali servizi di biblioteca, ma permettono di sperimentare interessanti contaminazioni con i servizi tradizionali, sostenendo nuovi percorsi di innovazione sul fronte della condivisione di esperienze da parte dei cittadini.
 
 
IL CATALOGO
 
p. 37 Si può fare!
 
Chiara Consonni, Danilo Deana
 
I cataloghi sono, nella maggior parte dei casi, progettati a margine dei sistemi di gestione, invece di costituirne la componente fondamentale. Così si trovano ad essere come un vaso di terracotta costretto a viaggiare in compagnia di molti vasi di ferro (motori di ricerca, banche dati specializzate, siti di commercio elettronico), mentre potrebbero giocare un ruolo diverso se utilizzassero maggiormente i dati di cui dispongono e migliorassero la qualità dei servizi. È necessario operare una rivoluzione copernicana che ponga al centro dell’attenzione il catalogo e impostare un percorso per passare dal catalogo attuale a un catalogo che soddisfi i requisiti previsti nello Statement of international cataloguing principles, mettendo a punto le procedure automatiche per la modifica dei dati, migliorando le funzionalità del catalogo, misurando il successo (o l’insuccesso) delle modifiche e delle nuove funzionalità attraverso strumenti più precisi, progettando un nuovo sistema di automazione conforme al modello concettuale esposto in Functional requirements for bibliographic records.
 
 
A Giugno esce "Biblioteche oggi Trends"
Focus: L'accesso alla conoscenza. Quale ruolo per le biblioteche
Contributi di: Maria Cassella, Cecilia Cognigni, Robert Darnton, Anna Galluzzi, Ilaria Giglio, Rosa Maiello, Maria Maiorano, Raffaella Messinetti, Marco Muscogiuri, Margarita Perez Pulido, Gino Roncaglia, Alberto Salarelli,Giovanni Solimine, Maurizio Vivarelli.
 
 
Copertina ultimo fascicolo
 
Maggio 2015
 
 
Convegno Stelline
 
Convegno Stelline 2015
 
Associazione Biblioteche oggi