La responsabilità sociale delle biblioteche: una connessione a doppio taglio

Riccardo Ridi

Abstract


La responsabilità sociale è un importante valore deontologico dei bibliotecari, indispensabile per connettere ciascuna biblioteca da una parte col proprio pubblico di riferimento e dall’altra con l’ente a cui afferisce, creando una positiva dialettica fra i valori deontologici più specificamente professionali (primo fra tutti quello dell’accesso all’informazione), comuni a tutti i bibliotecari, e quelli condivisi dagli utenti e gli altri stakeholder di una specifica biblioteca o tipologia di biblioteca. Quando però la responsabilità sociale, invece di fungere da bilanciamento per i valori più professionali (evitando che la biblioteca diventi un’isola astratta, sconnessa dal proprio ambito sociale), assume un peso eccessivo e sovrasta gli altri valori deontologici bibliotecari, allora possono verificarsi una serie di situazioni critiche, che vengono illustrate con particolare riferimento alle teorie della "library 2.0" e al dibattito sulla neutralità professionale dei bibliotecari svoltosi negli USA negli anni '60 e '70.

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.3302/0392-8586-201403-026-1

«Biblioteche oggi» mette a disposizione on-line gli articoli completi dopo 24 mesi dalla pubblicazione. Se l'articolo non è ancora disponibile full-text è possibile acquistare il numero singolo di «Biblioteche oggi» in versione cartacea al costo di 20 euro (spese di spedizione comprese). Per l'acquisto contattare bibliografica@bibliografica.it.




Biblioteche oggi - EDITRICE BIBLIOGRAFICA srl  Via San Francesco d'Assisi 15 - 20122 Milano  Tel. +39 02 84253051   http://www.bibliografica.it    e-mail: bibliografica@bibliografica.it